Archivio | giugno, 2013

Ancora una volta

17 Giu

Ho la pancia gonfia, la testa annebbiata, le membra stanche. Non posso più fare la giovane e andare a mangiare alle 10:30 e stare a tavola per due ore. Queste sono cose che se hai una certa età non le puoi più fare. Giada annuisce con la testa, anche lei con la pancia piena; entrambe siamo sedute nell’auto di Andrea che nel frattempo sta parlando con Fabio forse di calcio, o di auto.. Non presto attenzione.

Ecco i saluti. Gli abbracci.

“Quando hai l’esame?”

“11 Luglio…”

“Allora ci possiamo vedere prima!”

Ora voglio solo stendermi a letto.

Non sono più abituata a dormire da sola. Vivere a Trieste con Andrea ha cambiato le mie abitudini, e ora che sono di nuovo a casa e non lo sento dormire vicino a me… non so, mi agita.

Per questo per una notte Andrea mi porta a casa sua, ci intrufoliamo silenziosamente nella camera , come facevamo le prime volte; ci buttiamo nel suo lettino, che profuma di un odore che quasi non ricordavo più e che ora non sembra nemmeno più appartenergli.

La mia pancia fa dei rumori strani: è la digestione, Andrea ridacchia e mi avvolge in un tenero abbraccio. Io, con indosso la sua maglia blu, mi accoccolo sul suo petto e chiudo gli occhi.

E mi sembra tutto perfetto; io e lui.

passion

S.

Annunci

Tanta roba

8 Giu

“I sogni son desideri” . Non diceva così la fatina sgolza di Cenerentola?! 

Premetto che per me la vecchia con la bacchetta intendeva parlare dei sogni che fai quando dormi ( i sogni ad occhi aperti, non valgono e poi si chiamano vaneggi mentali).

Inoltre io non sono convinta di questa affermazione, non al 100%. Voglio dire mi è capitato di sognare di essere un’erborista; ma non per questo è il mio sogno nel cassetto! Io odio le piante, poi puzzano d’erba.

E quando ho sognato di essere rapita da dei maniaci… Non ho pensato che potesse essere il mio sogno erotico!

Però è da un po’ di sere che così… sogno Fabri.
fabri-fibra-pronti-partenza-via[1]
Il perché mi è oscuro. Non sono una sua fan accanita, ascolto solo quelle canzoni che ogni tanto passano alla radio. Non lo trovo carino anzi, oggettivamente possiamo definirlo proprio brutto.
Eppure lo sogno spesso ultimamente. Sogno che siamo fidanzati, facciamo la coppietta felice. Sapete no, coccole, passeggiate, risate ecc.
Ora credo di averlo idealizzato nella mia testa e quando penso a lui mi viene un sorrisetto e dentro di me dico che si infondo è non è poi cosi bruttino e c’ha quel qualcosa che lo rende particolare, interessante. Poi però, lo guardo in foto e scopro che il Fabri che mi ero immaginata non esiste, e mi rammarico x il suo reale aspetto poco attraente. Ma finisce che dopo poco lo dimentico e penso  nuovamente sia decente, invece lo riguardo e continua ad esser cesso…. Insomma avanti così finché non mi convincerò che è brutto.
Ma poi non capisco perché mi faccio di questi problemi.
A) io sono già impegnata. 
B) Fabri non credo mi conosca. 
Ma nel caso dovessi leggere il mio post caro Fabri Fibra ti dico che un caffè così in amicizia c’è lo possiamo prendere.
Tanto anche io ogni tanto mi vesto da rapper.
994180_4707442137961_621565357_n
397388_621013631244718_115075053_n
418987_621010927911655_548442625_n
9736_620998291246252_672577558_n
Baci Stronzi.
P.s. Se c’è un’esperto che sa decifrare i sogni per capire se hanno un qualche senso… Lo prego di spiegarmi cosa significa sognare un rapper.
P.p.s. Ringrazio di cuore la crew delle nere del ghetto: Elena, Erica, e in particolar modo Virginia (guidatrice designata) che ci ha offerto ospitalità nella sua umile dimora.
Ciao bro.
S.

Persa

3 Giu

Non capisco il perché di tutto sto disagio che mi circonda!

Mi sento una reietta. Quando sono a Trieste voglio tornare a casa perché li non c’è una cippa da fare, sopratutto d’estate,e poi mi manca la mia famiglia e gli amici.
Quindi torno a Jesolo, la city beach d’Italia, e dopo un giorno mi manca Trieste. Perché Jesolo d’estate è la morte, perché i turisti mi fanno innervosire, perché la coda chilometrica mi fa innervosire, perché i turisti che creano la coda chilometrica mi fanno innervosire. Perché è pieno di falsi VIP che si sento fighi e tanto fascion perché sono di Jesolo ( la city beach) e invece No!!! Siete coglioni in ogni caso, e nessuno vi fila.
Comunque Jesolo city bitch nel cuore.
È un calvario ovunque vada trovo qualcosa che non va, o più che altro non mi sento mai parte dell’habitat. Come se metteste un pinguino in periferia di Padova.
In più c’è questa pseudo primavera /estate che mi confonde le idee e basta. Che insomma non capisco se le felpe le devo o no le devo metter via.
Però l’esame della vecchia di italiano, detta per gli amici Beyoncé, l’ho passato. Lol
Vi lascio con i miei scatti migliori del mese:
la scritta “ciao” con peli della barba di mio moroso.
971854_4687956450831_1712980820_n
E le nuove confezioni della coca-cola. Praticamente, io che non amo questa bevanda, la compro solo per queste scritte dolci e coccolose.
7174_4687956770839_1557810623_n
Ciao stronzi
S.