Tag Archives: società

Tipe da cocaina

19 Dic

61aa4264-2ab0-11df-9af3-404010b179cd_1500_0_resize_90

Mi hanno chiesto se mi piacerebbe una vita tranquilla lontana dal caos, lontana dalle imposizioni di questa società. Se volevo essere in pace con me stessa e con il mondo, se volevo conoscere risposte che altri ignoravano. Se volevo rilassarmi.

In pratica mi hanno chiesto se volevo della marijuana. 
No, grazie.-
-Ma come fai senza?-
-Perché a me piace essere nervosa. Necessito di essere sotto stress, di essere motivata, indaffarata. Non che ne vada pazza però mi serve, devo essere carica per dare il meglio di me.-
-Ah ho capito te sei una tipa da cocaina. Ti piacerebbe.-

-Ma chi cazzo è poi sto disgraziato?-
Manuela  guardandomi alza le spalle, ovviamente ci aveva parlato per 20 minuti ma non aveva idea di chi fosse il losco individuo. Fatto sta che alle 6 di mattina l’unica cosa che volevo “farmi” era un bella dormita. 

http://it.drugfreeworld.org/#/interactive

S.

Annunci

Riflessioni dopo la cyclette.

14 Ott

large

Trovi gente di tutti i tipi in palestra: ci sono i vecchietti che tra un esercizio e l’altro fanno pausette di 15 minuti; ci sono i super pompati che fanno gli esercizi davanti allo specchio per guardarsi i muscoli; ci sono i chiaccheroni che se fai l’attrezzo di fianco al loro, c’è è la fine non la smettono più di tartassarti.

Ma in generale ognuno si fa i fatti propri ed è meno peggio di quello che pensavo.

Solo che non so, c’è sempre il momento problematico dello spogliatoio.

C’è non mi immaginavo di vedere patatine e tette everywhere!

Che insomma ok che gymnasium in greco significa letteralmente “luogo per essere nudi”, però ecco non serve che mi sbatti la tua farfallina in faccia.

Mi sono chiesta, poi da dove derivasse il mio pudore e i mio imbarazzo.

Ho escluso un disagio con il mio corpo, perchè si non sono Adriana Lima, ma nemmeno una di quelle vecchiacce con le tette alle ginocchia. Penso sia un fatto culturale, qualcosa che ci viene insegnato. si perchè da bambina andavo in spiaggia senza costume con altri bimbi e nessuno era scandalizzato. Non dimentichiamo poi che alcune tribù del Togo e dell’Etiopia, per esempio i Suri, si mostrano comunemente nudi.

Dunque è la nostra società che ci insegna a coprirci.

Eppure se da un lato la nudità ci imbarazza dall’altro ci affascina e ci attrae.

Ci dovrò ritornare su quest’argomento così interessante, quando avrò del tempo… E spero presto.

Comunque 60 euri al mese mi costa un culo sodo senza cellulite. Ne vale la pena?

Bah lo lascio decidere a voi.

Baci

S.